Relazioni

a cura di Katia Vespertino, ZAMMARA

Scordia, Palazzo Modica: dal 12/4/2014 al 19/4/2014
Vizzini, Casa della memoria e delle arti: dal 25/4/2015 al 1/5/2014
Militello V. C.: Museo Sebastiano Guzzone: dal 4/5/2014 al 14/5/2015
Mineo, Casa museo Luigi Capuana: dal 18/5/2014 al 24/5/2014

Inaugurata “Relazioni”, la collettiva itinerante che dopo Scordia farà tappa a Vizzini, Militello Val di Catania e Mineo. La mostra organizzata dall’associazione culturale Zammara e curata da Katia Vespertino, con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura, si potrà visitare tutti i giorni fino a sabato 19 aprile al piano terra di Palazzo Modica dove sono esposti le opere di Maria Buemi, Cetty Previtera, Federico Severino e Valerio Valino. Il titolo della collettiva “Relazioni” nasce dai diversi legami che legano la pittura dei quattro artisti catanesi, influenzati da un medesimo sostrato culturale e dall’impronta pittorica e formativa che è scaturita dall’incontro con i maestri Piero Zuccaro e Giuseppe Puglisi. “Il termine relazione – afferma la curatrice Katia Vespertino – oltre a ricondurci a termini come attinente, connesso, assume, tra i tanti, anche il significato di legame amoroso o relazione sentimentale, quella dei nostri autori verso la ricerca artistica, la sperimentazione, la necessità di espressione che li lega in una relazione con la ricerca luminosa e cromatica che caratterizza il loro lavoro”. La luce, la realtà, il ricordo della realtà, le forme organiche rappresentano il filo conduttore della pittura espressa nelle opere degli artisti presenti all’inaugurazione, insieme al presidente di Zammara Orazio Manuele e al sindaco Franco Tambone che detiene la delega alla Cultura. “Insieme a Katia Vespertino – afferma il sindaco Franco Tambone – abbiamo coinvolto alcuni comuni del calatino in un progetto culturale che va al di là del nostro territorio. Si tratta di un primo esperimento dal quale partire con l’obiettivo di poter far rivivere l’idea alla quale lavorò Salvo Basso, di creare un coordinamento degli assessori alla Cultura del calatino, e non solo, una rete di collegamento tra città per condividere dei percorsi culturali”.